Il moto rettilineo uniforme si svolge lungo una retta su cui è posta un’origine ed è definito un verso; valgono tutte le ipotesi e le formule che sono state esposte per il moto rettilineo, in questo caso però possiamo semplificarle grazie ad una sua particolarità: la velocità rimane costante per tutto il moto.

moto rettilineo uniforme

Velocità nel moto rettilineo uniforme

La velocità media e la velocità istantanea in un moto rettilineo uniforme sono costanti, quindi

vM = costante

moto rettilineo uniforme

Il grafico della velocità nel moto rettilineo uniforme è il seguente:
moto rettilineo uniforme

 

Legge oraria del moto rettilineo uniforme

La legge oraria del moto rettilineo uniforme è molto semplificata poiché la velocità non è più funzione dell’istante considerato ma rimane la stessa in ogni punto. Data la legge oraria del moto rettilineo:

moto rettilineo uniforme

sapendo che

v(t) = costante = v

possiamo riscrivere la legge oraria come:

moto rettilineo uniforme

dove la velocità esce fuori dall’integrale (non è più una funzione ma un numero), l’integrale quindi vale [t − t0] e in questo caso abbiamo supposto l’istante iniziale t0=0, x0 è lo spostamento iniziale in t0 (se l’istante iniziale è diverso da zero la formula è x(t)=x0+v(t−t0)).

Il grafico di x(t) nel moto rettilineo uniforme è il seguente:

moto rettilineo uniforme

dove v rappresenta (per definizione di derivata) la pendenza tgα della retta.

Accelerazione nel moto rettilineo uniforme

L’accelerazione è definita come la variazione di velocità nel tempo, dove l’accelerazione media vale:

moto rettilineo uniforme

l’accelerazione istantanea è:

moto rettilineo uniforme

Per definizione in un moto rettilineo uniforme l’accelerazione media e l’accelerazione istantanea sono nulle.

a = 0

Copyright Immagine di copertina © Come Calcolare

Esplora:


Disclaimer: queste informazioni hanno solo carattere indicativo. Non rappresentano e non si sostituiscono in alcun modo al consulto di un professionista e vengono fornite solo come strumento ad uso personale. Per un consulto professionale è fortemente consigliato il parere di un professionista qualificato.»